Passeggiate Fotografiche

..quando il trekking è lo sport più amato dalla fotografia..

La fotografia di paesaggio è uno dei campi più difficili della fotografia naturalistica. Non è particolarmente impegnativo imparare gli aspetti tecnici, basta fare attenzione all’esposizione e utilizzare il treppiede per avere la massima nitidezza. Allora perchè la fotografia di paesaggio è così difficile? Serve una visione artistica per creare buone foto, immagini in grado di trasmettere emozioni all’osservatore.

Centinaia di dettagli rendono diversa una foto scattata nello stesso luogo, nella stessa direzione. Meteo, luce, sensore, filtri, stagione, umore, fantasia. Con il tempo quel che conta è l’esperienza nel saper scegliere come rendere proprio ciò che si vuole catturare. Occorre saper fare ordine all’interno di un bosco e disordine in mezzo al deserto, definire il tempo di fronte ad una cascata e curare i riflessi sulle rive di un lago. Serve essere puntuali, mezz’ora prima dell’alba e un’ora prima del tramonto. E’ importante stare bene, non avere freddo nelle stagioni invernali e mantenersi freschi nelle temperature estive.

Come in ogni fotografia la qualità della composizione contribuisce al valore aggiunto dello scatto. Mantenere retto l’orizzonte, sfruttare la regola dei terzi per riempire l’immagine, massimizzare la profondità di campo e limitare la sensibilità della macchina con l’aiuto di un cavalletto sono tutte accortezze che possiamo iniziare ad usare insieme alla creatività.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: