Volastra – Cinque Terre Trekking: da Corniglia a Manarola

Il treno si ferma lungo un esteso spiaggione tra il verde dei vigneti e il blu del mare. Siamo nel cuore delle Cinque Terre. Guardando la costa possiamo scorgere Manarola in lontananza a sinistra, mentre a destra fanno capolino le case di Corniglia arroccate sul promontorio. I borghi sono collegati da due percorsi, il più semplice costeggia il mare ma da alcuni anni è chiuso per motivi di sicurezza. Il secondo tracciato, che attraversa a mezza costa i terrazzamenti a vite, è un vero patrimonio storico che offre suggestivi scorci panoramici. I tempi di percorrenza si aggirano intorno le due ore e mezza con un dislivello di 410 m e una difficoltà di tipo Escursionistico.

Corniglia dal bosco di lecci

IL TREKKING

Dalla stazione di Corniglia si prosegue per qualche metro su strada asfaltata per poi prendere a sinistra Via Lardarina. Questa conduce alla faticosa scalinata di 382 gradini che sale fino al centro abitato (sentiero n° 2). Dopo una visita al caratteristico borgo proseguiamo verso monte. Attraversando la strada asfaltata il sentiero prosegue fino ad una fonte con una madonnina dove si volta a destra lungo la faticosa e panoramica salita (sentiero n° 7a). Nel primo tratto il percorso passa tra le case più alte di Corniglia, poi si prende quota su un dosso terrazzato entrando nel bosco e arrivando al bivio con il sentiero 6d sul quale voltiamo a destra. Il paesaggio diventa sempre più caratteristico, si attraversa un bosco di pini e lecci sorto su antichi terrazzamenti da risalire su scalette in pietra.

Case Pianca

All’uscita del bosco ci troviamo in località Case Pianca dove l’ampio sentiero porta ad una grande vasca con fonte. Quindi riprende la mulattiera dove i terrazzamenti sono meglio conservati, si superano le Case di Porciano camminando in un vero e proprio mare verde di vigneti. Questi portano al magnifico scorcio paesaggistico di Volastra (foto copertina) dove costeggiando una recinzione si arriva al piazzale del santuario. Senza attraversarlo si prosegue a destra passando tra le caratteristiche case disposte a semicerchio per seguire l’andamento del terreno. Un breve tratto e sulla destra il segnavia bianco e rosso porta all’antica mulattiera che collegava Volastra a Manarola. Qui si perde velocemente quota tra le terrazze d’olivo e dopo circa mezz’ora arriviamo nel centro abitato del borgo.

Manarola

MANAROLA

Il borgo di Manarola è una frazione del comune di Riomaggiore. E’ stata fondata da Romani che abitavano a Volastra. Il suo nome infatti ha origini latine “Manium Arula” il tempio dedicato ai Mani, le anime dei morti. Alcuni documenti del 1266 citano il borgo che ha seguito le stesse sorti degli altri borghi delle Cinque Terre. E’ passato dalla proprietà dei Fieschi alla Repubblica di Genova fino al 1806 quando venne costituito il comune di Riomaggiore. Il paese aveva una fortificazione ma oggi le mura e i resti del castello sono inglobati nelle murature di sostegno che si possono osservare sul mare.

Le case, i vigneti, i terrazzamenti di tutta la collina a Natale si illuminano con il famoso presepe realizzato da Mario Andreoli, è il presepe più grande del mondo.

44.11155949.7338937

3 Commenti

  1. Avevo un caro amico, oggi scomparso, che mi parlava sempre delle Cinque Terre. Gli ho dedicato anche una poesia “Il sole sulle Cinque Terre”. Contavo sempre di andarci ma non ci sono ancora riuscito. Complimenti per il blog.

    • Grazie per essere passato, spero tu possa venire a visitarle presto, sarebbe un omaggio per te e per il tuo caro amico, un saluto dalla Liguria. Ps. Quando verrai usa il treno mi raccomando

  2. questo sentiero l’ho fatto al contrario, da Manarola ero arrivato fino a Vernazza, avevo fotografato anche Volastra passando di lì. Paesaggi unici, che nulla hanno da invidiare a molte parti del mondo…

Racconta la tua esperienza in questo luogo